Servizio Clienti

Scopri come ricevere assistenza e la risposta alle domande più frequenti

Assistenza

Puoi ricevere tutte le informazioni che desideri ed entrare nel mondo Pef Power:

  • Chiamando il numero verde 800 613 500 (numero verde gratuito, anche da cellulare): il nostro servizio clienti è a disposizione dalle ore 09:00 - 13:00 e dalle 14:00 alle 18:00, tutti giorni dal Lunedì al Venerdì.
  • Scrivendo a servizioclienti@pefpower.it.
  • Fax +39 0575 1949080
Vuoi parlarci via web?
  • Entra in Area Clienti Pef Power e apri una segnalazione.
Guasti e interruzioni
Il numero telefonico del pronto intervento è disponibile nella prima pagina della bolletta relativa alla Fornitura, emessa da Pef Power. Prima di contattare il Distributore, è opportuno trovarsi in possesso del numero relativo al punto di prelievo (POD per l'energia elettrica, ovvero PDR per il gas naturale), che identifica, in modo univoco, il contatore per il quale è richiesta assistenza.
Reclami
Nella sezione Download Area, Moduli è possibile scaricare i moduli necessari a soddisfare le esigenze connesse al Contratto di Fornitura sottoscritto, oltre alle informazioni utili relative al Mercato Libero dell’energia elettrica, e del gas naturale. I moduli compilati possono essere inviati a:

Faq

Vorrei saperne di più in merito a:

Il subentro, può essere richiesto in caso di trasloco in una nuova abitazione o in locale commerciale, in cui sia presente un contatore ma la fornitura di esso sia stata cessata, occorre quindi riattivare la fornitura.
Per richiedere un subentro, è possibile scaricare il modulo Download Area, Richieste Tale modulo dovrà essere inoltrato, debitamente compilato:
La voltura, può essere richiesta in caso di trasloco in una nuova abitazione o in locale commerciale, nel caso in cui ci sono un contatore e un contratto di fornitura attivo con Pef Power e occorre solo cambiare l’intestatario dell’utenza.
Per richiedere una voltura è sufficiente compilare il modulo Voltura scaricabile dalla Download Area, Richieste.
Tale modulo dovrà essere inoltrato, debitamente compilato:
È’ possibile richiedere un nuovo allacciamento di un contatore di energia elettrica, ovvero di un misuratore gas naturale, semplicemente scaricando il modulo relativo dalla Download Area, Richieste. Tale modulo dovrà essere inoltrato, debitamente compilato:
La comunicazione dei dati catastali è obbligatoria secondo quanto è previsto dalla Legge Finanziaria 311/2004. La comunicazione di tali dati catastali è possibile attraverso la compilazione del modulo scaricabile dalla Download Area, Dato Catastali. Tale modulo dovrà essere inoltrato, debitamente compilato:
Qualsiasi intestatario di un contratto di somministrazione per la fornitura di energia elettrica e di gas naturale, anche se non in qualità di proprietario, ha l’obbligo di inviare la dichiarazione contenente i dati catastali richiesti.
Si, è obbligatorio rilasciare i dati catastali sia per la fornitura di gas che per la fornitura dell'energia elettrica.
I dati catastali si possono reperire nell’atto di acquisto di un immobile o nella denuncia di successione (se l’immobile è stato ereditato), o in un certificato/visura catastale. In ultima analisi, è possibile recarsi all’ufficio di Catasto di riferimento nel Comune ove è ubicato l’immobile. Devono essere indicati i dati rilevabili dal catasto edilizio urbano (per i fabbricati urbani) o dal catasto terreni (per tutti gli altri immobili diversi dai fabbricati urbani, compresi i fabbricati rurali).

In conformità con la Delibera 501/2014/R/com dell'Autorità per l'energia elettrica il gas e il sistema idrico (AEEGSI), Pef Power ha realizzato una bolletta di più facile lettura: la Bolletta 2.0. Di seguito il Glossario della Bolletta della Fornitura di Energia Elettrica e Gas:

Il SEPA (Single Euro Payments Area), è un nuovo strumento di pagamento, sostitutivo del RID, in essere dal 1° febbraio 2014.
Per poter richiedere la domiciliazione bancaria delle fatture emesse da Pef Power srl, è possibile scaricare il modulo dalla Download Area, Addebiti.
Tale modulo dovrà essere inoltrato, debitamente compilato:
I clienti Pef Power srl, possono richiedere un piano di rientro, da effettuarsi entro la scadenza della fattura interessata. Sarà facoltà di Pef Power srl accettare o meno tale proposta, alla luce anche del comportamento pregresso tenuto dal Cliente, nonché alla luce di altri elementi contingenti. I Clienti, in ogni caso, al fine di comunicare tale circostanza, dovranno richiedere il piano di rientro:
In caso di ricezione di sollecito di pagamento, relativo a fatture già pagate dal Cliente, risulta necessario inviare idonea ricevuta di avvenuto pagamento ai seguenti indirizzi:
Per comunicare un avvenuto pagamento, è possibile inviare l’idonea ricevuta di avvenuto pagamento ai seguenti indirizzi:
Il Mercato Libero dell’energia consiste nella facoltà, concessa dal 1° luglio 2007, per tutti i soggetti, imprese e privati, di scegliere liberamente da quale Fornitore, e a quali condizioni, acquistare L’energia elettrica. Si tratta di una scelta volontaria, che non prevede alcun obbligo.
Coloro che intendono passare al Mercato Libero dell’energia, possono scegliere una nuova Offerta, e sottoscrivere un nuovo contratto di Fornitura, recedendo dal Contratto precedente in vigore. Il nuovo Fornitore potrà inoltrare la richiesta di chiusura dal vecchio contratto (recesso), al Fornitore precedente. Non serve alcun intervento diretto sugli impianti e sui contatori: cambia, infatti, unicamente la gestione commerciale ed amministrativa della Fornitura. Una volta completato il passaggio, il nuovo Fornitore invierà le proprie bollette al Cliente. La continuità, e sicurezza del servizio, deve essere assicurata. L\'impresa di distribuzione che gestisce la rete elettrica locale, rimane la medesima, e ciò, anche se viene prescelto di mutare Fornitore.
Sì. In ogni momento, e senza oneri, gli interessati possono tornare ad usufruire del Servizio di Maggior Tutela, fintanto che tale Servizio sia previsto, esercitando la facoltà di recesso dal Contratto sottoscritto con il Fornitore del Mercato Libero, sempre nel rispetto delle modalità, e dei termini contrattualmente o per legge stabiliti.
Per il passaggio effettivo alla nuova Fornitura, occorrono da uno a due mesi (per le utenze domestiche): la nuova fornitura comincerà nel momento in cui il nuovo Fornitore avrà compiuto tutti gli atti necessari per gestire gli aspetti tecnici, e commerciali del passaggio. La data prevista per il passaggio effettivo sarà comunicata dal nuovo Fornitore al momento della firma del Contratto di Fornitura.
No. Cambiare Fornitore non comporta costi per il Cliente, salvo gli eventuali oneri connessi alla sottoscrizione di un nuovo contratto (ad es. bollo e deposito cauzionale o altra garanzia qualora prevista).
L’offerta a Prezzo fisso è pensata per coloro che intendono pagare sempre lo stesso prezzo dell’energia, coprendosi dal rischio di eventuali rialzi. Tale tipo di Offerta, generalmente, è dedicata alle utenze in bassa e media tensione. Il prezzo risulta essere bloccato per un periodo di tempo, che normalmente consiste in: 12, 24 o 36 mesi. La quota di prezzo bloccato si riferisce alla sola componente energia.
L’offerta a prezzo indicizzato è pensata per coloro che intendono pagare “allineandosi” al mercato della materia prima, aggiornato in base all’andamento di indici prestabiliti, e riportati, altresì, nell’allegato al Contratto: Condizioni Tecnico Economiche. Tale Offerta è, generalmente, dedicata alle utenze in bassa, media ed alta tensione. Il prezzo non risulta essere mai bloccato, né fisso, variando di mese in mese.
Le ore di Fuori Picco, sono le ore comprese, nei giorni dal lunedì al venerdì, tra le 00.00 e le 08.00 e tra le 20.00 e le 24.00 e, nei giorni di sabato e domenica e festivi, tutte le ore.
Le ore di Picco, sono le ore dell\'anno comprese tra le 08.00 e le 20.00 di tutti i giorni feriali, dal lunedì al venerdì.
L\'offerta a prezzo indicizzato è pensata per chi vuole pagare sempre in linea con il mercato della materia prima e aggiornato in base all’andamento di indici prestabiliti e riportati nel documento Condizioni Tecnico Economiche, generalmente dedicata alle utenze in bassa, media e alta tensione. Il prezzo non è mai bloccato e fisso ma varia di mese in mese.
Le ore di Fuori Picco sono, nei giorni dal lunedì al venerdì, le ore comprese tra le 00.00 e le 08.00 e tra le 20.00 e le 24.00 e, nei giorni di sabato e domenica e festivi, tutte le ore.
Il Contatore di energia elettrica può essere visionato dal Cliente, che può prendere nota della singola lettura, o delle tre letture (evidenziate con A1,A2,A3). E’ possibile comunicare tale lettura ad Pef Power srl contattando il numero verde, oppure inviare al Fornitore una comunicazione agli indirizzi utili presenti nel sito: www.pefpower.it.
Le ore di Picco sono le ore dell\'anno comprese tra le 08.00 e le 20.00 di tutti dal lunedì al venerdì.
Le imposte che gravano sull’energia elettrica sono sostanzialmente due: l’accisa (Imposta indiretta sul consumo) e l’Iva (Imposta sul valore aggiunto). L\'accisa è un\'imposta che viene applicata alla quantità di energia consumata indipendentemente dal contratto o dal fornitore scelto. L\' Accisa è gestita dall\'Agenzia delle Dogane ed è destinata allo Stato. L\'imposta sul valore aggiunto, l\'IVA, è invece applicata al costo complessivo del servizio, compresi tutti i corrispettivi della bolletta della luce (di potenza, punto di prelievo e di energia) e compresa l\'accisa. Attualmente l\'aliquota applicata dipende dal tipo di fornitura, usi domestici e categorie rientranti nell’agevolazione Iva al 10% e altri usi Iva al 22%.
Con le bollette dell\'energia elettrica, oltre ai servizi di vendita (materia prima, commercializzazione e vendita), ai servizi di rete (trasporto, distribuzione, gestione del contatore) e alle imposte, si pagano alcune componenti per la copertura di costi per attività di interesse generale per il sistema elettrico nazionale: si tratta dei cosiddetti oneri generali di sistema, introdotti nel tempo da specifici provvedimenti normativi. Gli oneri generali sono applicati come maggiorazione della tariffa di distribuzione, (quindi all\'interno dei servizi di rete), in maniera differenziata per tipologia di utenza -domestica, illuminazione pubblica, altre utenze in bassa, media o alta tensione- secondo criteri che variano da componente a componente. Ad esempio, la componente A2 pesa di più sui clienti domestici e le piccole imprese servite in bassa tensione, la A4 sui clienti non domestici mentre la As è applicata uniformemente a tutti. Il gettito raccolto dall\'applicazione degli oneri generali è trasferito su appositi Conti di gestione istituiti dalla Cassa conguaglio per il settore elettrico per ciascuna componente; fanno eccezione la componente A3 che affluisce per circa il 98% direttamente al Gestore dei Servizi Energetici (GSE) e la componente As, per la quale i distributori versano alla Cassa solo la differenza tra il gettito raccolto e i costi sostenuti per il riconoscimento del bonus (se la differenza è negativa, viene riconosciuta al distributore). L\'utilizzo e la gestione di questi fondi è disciplinata dall\'Autorità che aggiorna trimestralmente le aliquote sulla base del fabbisogno. Per il settore elettrico, gli oneri generali di sistema sono:
  • A2 a copertura degli oneri per il decommissioning nucleare
  • A3 a copertura degli incentivi alle fonti rinnovabili e assimilate
  • A4 a copertura delle agevolazioni tariffarie riconosciute per il settore ferroviario
  • A5 a sostegno alla ricerca di sistema
  • As a copertura degli oneri per il bonus elettrico
  • Ae a copertura delle agevolazioni alle industrie manifatturiere ad alto consumo di energia
  • UC4 a copertura delle compensazioni per le imprese elettriche minori
  • UC7 per la promozione dell\'efficienza energetica negli usi finali
  • MCT a copertura delle compensazioni territoriali agli enti locali che ospitano impianti nucleari;
    all\'interno dei servizi di rete vengono applicate anche due ulteriori componenti perequative:
  • UC3: a copertura degli squilibri dei sistemi di perequazione dei costi di trasporto dell\'energia elettrica sulle reti di trasmissione e di distribuzione, nonché dei meccanismi di integrazione, espressa in centesimi di euro/kWh.
  • UC6: a copertura dei costi riconosciuti derivanti da recuperi di qualità del servizio. La UC6 è espressa in centesimi di euro/KW e centesimi di euro/kWh per i domestici, mentre per gli altri utenti è espressa in centesimi di euro/pp e centesimi di euro/kWh.
Il Codice POD è un codice composto da lettere e numeri, che identifica in modo certo il punto fisico in cui l’energia viene consegnata dal Fornitore, e prelevata dal Cliente finale. Poiché identifica un punto fisico sulla rete di distribuzione, il predetto codice non muta qualora si cambi Fornitore.
Il CTS è un Corrispettivo Tariffario Specifico cioè una voce nella bolletta, per i clienti finali e per le altre utenze (produttori o autoproduttori) connessi in media tensione che non hanno adeguato il proprio punto di consegna ai requisiti tecnici della delibera 333/07 (allegato A) e ARG/elt 33/08 (allegato C).Questo corrispettivo e’ dovuto nel caso in cui
  • il cliente in media tensione non abbia consegnato la dichiarazione di adeguatezza dell\'impianto al proprio distributore di energia elettrica e la richiesta di connessione dell\'impianto sia stata fatta in data antecedente il 16 novembre 2006;
  • la dichiarazione di adeguatezza del cliente sia stata revocata dal distributore a seguito di controlli che abbiano evidenziato la mancata rispondenza dell\'impianto ai requisiti tecnici della delibera 333/07 e della delibera ARG/elt 33/08.
L\'energia reattiva è un\'energia che viene assorbita dalle macchine elettriche ma che non viene effettivamente impiegata per produrre lavoro utile (calore, forza, movimento). Questa energia è collegata al campo elettromagnetico necessario alla macchina per poter funzionare. Per comprendere meglio possiamo immaginare che l\'energia reattiva si scambia continuamente tra il carico e il generatore, scorrendo avanti e indietro sulla rete ma senza essere realmente consumata.
L’adeguamento automatico della potenza disponibile è l’adeguamento della potenza disponibile, effettuato d’ufficio dal Distributore competente, in caso di superamento di prelievo di potenza disponibile, in almeno due mesi distinti nell’anno solare. In tali casi, il Distributore locale competente provvederà ad effettuare l’aumento di potenza necessario.
Per richiedere la fatturazione a mezzo e-mail, in alternativa alla fatturazione cartacea, è necessario per il Cliente indicare tale opzione all’atto della sottoscrizione del Contratto, ove previsto, ovvero, scaricare il modulo di riferimento, e debitamente compilarlo e sottoscriverlo. Tale modulo, dovrà essere poi compilato e tempestivamente inoltrato:
Il CMOR, ovvero “corrispettivo morosità”, viene applicato nel momento in cui un Cliente, decidendo di passare ad un nuovo Fornitore, si renda inadempiente, tuttavia, alla corresponsione di pagamenti afferenti alla Fornitura, con il vecchio Fornitore. Il CMOR è stato introdotto dall’AEEGI, autorità per l’Energia Elettrica e il Gas ed il Sistema Idrico, al fine di cercare di garantire, alle società di vendita di luce e gas, in caso di morosità dei propri Clienti, il pagamento delle bollette emesse negli ultimi 3 mesi di utenza. Il CMOR relativo alle bollette di luce e gas, viene addebitato dal nuovo Fornitore, “in nome” del vecchio Fornitore. Si tratta di un indennizzo dovuto, e, pertanto, il passaggio ad un nuovo Fornitore, non esonera il Cliente dal corrispondere i pagamenti al precedente Fornitore. Presso i siti internet, raggiungibili ai seguenti indirizzi: www.autorita.energia.it, e www.acquirenteunico.it, cliccando sul lato dello Sportello per il Consumatore di energia, è disponibile l’apposito modulo di richiesta informazioni su CMOR. Per maggiori riferimenti normativi, può essere consultata la Delibera AEEG 191/09, e s.m.i.
Il Mercato Libero del gas, consiste nella facoltà, concessa dal 1° gennaio 2003, per tutti i soggetti, imprese e privati, di liberamente scegliere da quale Fornitore acquistare gas naturale, rimanendo comunque allacciati alla rete di distribuzione locale. Il 1° gennaio 2003, infatti, si è completato il processo di liberalizzazione del mercato del gas metano, già avviato a giugno del 2000, con l\'entrata in vigore del Decreto Legislativo n°164/2000. Il mutamento di fornitore risulta essere gratuito. La manutenzione dei nuovi allacciamenti, e del servizio di pronto intervento gas, rimangono sempre a carico del Distributore locale. I Clienti resteranno allacciati alla rete distributrice locale, ma potranno acquistare il gas metano da altra società Fornitrice, quale Pef Power srl.
Il Distributore gestisce tutte le operazioni connesse alla gestione dell’impianto del gas, fino al contatore, come, per esempio, l’attivazione, la disattivazione della Fornitura, spostamenti di contatore etc.. Il Distributore è, altresì, responsabile delle attività di misura, come ad esempio, la manutenzione, la verifica e la lettura periodica del contatore del Cliente.
Il Fornitore acquista il gas naturale all’ingrosso, e propone al Cliente la fornitura di gas. Il Fornitore è il soggetto con cui il Cliente stipula il Contratto per la Fornitura del gas. Il Fornitore, per conto del Cliente, si rapporta con il Distributore per tutte le attività che risultano essere connesse agli allacciamenti, ovvero ai lavori da effettuare sulla rete di distribuzione.
Il PDR è un codice, che serve ad individuare il punto dove il Distributore riconsegna il gas per la fornitura, al Cliente finale. Il PDR viene riportato in ogni bolletta. Il predetto codice è composto da 14 caratteri. I primi 4, caratteri identificano l\'impresa di Distribuzione, i restanti 10 rappresentano un codice univoco, stabilito dalla stessa impresa di distribuzione, e riferito al PDR.
Il potere calorifero superiore (PCS) è la quantità di calore prodotta dalla combustione completa di un metro cubo di gas, considerando i costituenti della miscela combustibile nelle condizioni standard: temperatura di 15°C e pressione assoluta di 1,01325 bar.
Si, il Cliente potrà cambiare fornitore ogni qual volta lo desideri, inoltre in qualsiasi momento potrà scegliere l’offerta che ritiene più adatta alle proprie esigenze.
No. Per poter attivare l’Offerta relativa alla Fornitura, non è necessario effettuare alcuna modifica tecnica all\'impianto.
No. Il Cambio di Fornitore, debitamente effettuato, non comporterà alcuna interruzione nella Fornitura.
La comunicazione dell'Autolettura deve avvenire alla fine del mese, generalmente tra il 25° giorno del mese e l'ultimo giorno del mese, tramite i seguenti canali:
  • Internet: tramite il sito www.pefpower.it all'interno della propria Area Clienti
  • Mail: servizioclienti@pefpower.it (la mail dovrà contenere il codice cliente e il codice PDR presente in bolletta).
Le imposte che gravano sul gas naturale, sono sostanzialmente tre: l’accisa (imposta di consumo), differenziata per scaglioni di consumo, zona geografica, e tipologia di impiego; l’addizionale regionale, per le Regioni a Statuto Ordinario, determinata da ciascun Regione; l’Iva (imposta sul valore aggiunto), applicata sull’importo complessivo della fattura, comprensivo di imposta di consumo, ed addizionale regionale.

Gli oneri generali di sistema, sono introdotti per legge nella bolletta del gas, e sono sostanzialmente tre: componente RE, per la realizzazione di progetti di risparmio energetico, e lo sviluppo delle fonti rinnovabili nel settore del gas; componente RS, per l’incentivazione della qualità del servizio; componente UG1, volta a coprire eventuali squilibri dei sistemi di perequazione per la distribuzione, e misura del gas. Le aliquote relative alle componenti tariffarie, vengono fissate dall’Autorità, ed aggiornate periodicamente sulla base delle esigenze di gettito. Secondo l’articolo 28 della RTDG 2014-2019, le tariffe obbligatorie di distribuzione e misura del gas naturale sono classificate in sei ambiti tariffari:

  • Ambito nord occidentale, comprendente le regioni Valle d\'Aosta, Piemonte e Liguria.
  • Ambito nord orientale, comprendente le regioni: Lombardia, Trentino - Alto Adige, Veneto, Friuli - Venezia Giulia, Emilia – Romagna.
  • Ambito centrale, comprendente le regioni Toscana, Umbria e Marche.
  • Ambito centro-sud orientale, comprendente le regioni Abruzzo, Molise, Puglia, Basilicata.
  • Ambito centro-sud occidentale, comprendente le regioni Lazio e Campania.
  • Ambito meridionale, comprendente le regioni Calabria e Sicilia.
Attendi